Corso di aggiornamento professionale “IN2.0 Innovazioni in Ingegneria Naturalistica” UniFI – Proroga scadenza al 23 agosto 2021

Il corso punta a fornire conoscenze sulle innovazioni e sulla necessità di ricorrere a tali tecniche, considerati il riconoscimento dell’importanza delle stesse come Nature Based Solutions, la loro economicità e praticità e la loro funzione ecosistemica (mitigazione effetti cambio climatico, valenza ecologica e paesaggistica, etc.)
CFU:
12
Direttore del Corso:
Federico Preti
Sede del Corso:
Dipartimento di Scienze e Tecnologie Agrarie, Alimentari, Ambientali e Forestali (DAGRI) – Via San Bonaventura, 13 – Firenze
Durata delle attività didattiche: 72 ore
Periodo di svolgimento del Corso: dal 6 settembre al 29 ottobre 2021
Decreto istitutivo: (pdf)
Scadenza Iscrizione:
30 luglio 2021 –  PROROGATA AL 23 AGOSTO

Quota di iscrizione: € 500
E’ prevista la partecipazione a titolo gratuito per i soci dell’Associazione italiana per l’Ingegneria Naturalistica – AIPIN

Quota di iscrizione ridotta per laureati iscritti entro il 28° anno di età:
€ 250
Sono previsti i seguenti posti in sovrannumero e a titolo gratuito riservati:
n. 5
a studenti iscritti a corsi di laurea o laurea magistrale dell’Ateneo
n. 5
ad iscritti a corsi di dottorato dell’Ateneo fiorentino
n. 2
al personale tecnico amministrativo dell’Ateneo
n. 5
ad assegnisti di ricerca e personale ricercatore e docente appartenente ai Dipartimenti che hanno approvato il corso
n. 15
ai soci di AIPIN

È STATO ACCORDATO IL RICONOSCIMENTO DEI CREDITI FORMATIVI PROFESSIONALI, CHE SARÀ PERFEZIONATO DOPO LE ISCRIZIONI AL CORSO, CON GLI ORDINI DEI GEOLOGI (50 CFP) ED ARCHITETTI. AI DOTTORI AGRONOMI E FORESTALI SARANNO RICONOSCIUTI 9 CFP.

Informazioni sui contenuti del corso:
federico.preti@unifi.it
Informazioni

Info su sito DAGRI UniFI

Brochure e programma del corso IN2.0_brochure_programma

 

Corso di Aggiornamento professionale “Mitigazione e gestione degli impatti ambientali sugli ecosistemi fluviali (MIA)​” – Università degli studi di Firenze

Corso di Aggiornamento professionale “Mitigazione e gestione degli impatti ambientali sugli ecosistemi fluviali (MIA)​” presso il DAGRI dell’Università degli studi di Firenze.

Il Corso si rivolge prevalentemente a coloro che si trovino ad interagire con la progettazione e la realizzazione di infrastrutture da realizzare nei pressi di corsi d’acqua: Amministrazioni pubbliche (Difesa del suolo, lavori pubblici, manutenzione), aziende di ingegneria, consulenti ma anche studenti universitari che vogliano approfondire la tematica per proporsi al mondo del lavoro con un approccio innovativo ed in linea con le necessità del territorio.

L’obiettivo formativo del Corso riguarda l’acquisizione delle competenze necessarie per affrontare le tematiche inerenti gli impatti ambientali prodotti dalla cantierizzazione ed esercizio delle infrastrutture sulla morfologia e sulle componenti vegetazione, flora e fauna degli ecosistemi fluviali, in modo da attuare una progettazione consapevole, ottimizzare tempi e risorse e mitigare l’impatto.

Le tematiche principali del Corso sono:
Ecosistema fluviale (8h)
– Elementi di ecologia fluviale: le funzioni ecologiche e i servizi ecosistemici dei corsi d’acqua.
– Fauna acquatica e terrestre.
– Flora acquatica e degli ambienti ripari.
– Specie aliene.

Monitoraggio ambientale (8h)
– Direttiva Quadro Acque, Direttiva Habitat, Direttiva Uccelli.
– Indici di monitoraggio ambientale per la valutazione dello Stato Ecologico (D.Lgs. 152/06 e DM260/10).

– Indagini idrogeomorfologiche e sedimentologiche (non solo IDRAIM).
– Altri indicatori e indici (Indici IBE, IFF, CARAVAGGIO, odonati).
– Censimenti faunistici.
– Rilievi botanici, fitosociologici e dendrometrici.

– Telerilevamento ambientale.
– Implementazione di modalità innovative per il monitoraggio ambientale dei corsi d’acqua. 

 

Verso una gestione meno impattante (8h)
– Gestione del reticolo idrografico e tutela della biodiversità.
– Riqualificazione fluviale e interventi integrati.
– Ingegneria naturalistica e passaggi ecologici.
– Casi studio di interferenza di opere infrastrutturali con l’ecosistema fluviale e interventi di mitigazione utilizzati.


Attività pratica in campo o virtuale (8h)

L’importo della quota di iscrizione al Corso è di € 800 a cui devono essere sommati i € 16 dell’imposta di bollo, per complessivi € 816. 
Per i soci AIPIN (n.5 posti riservati) è previsto soltanto l’importo dell’imposta di bollo pari a € 16.

SCADENZA ISCRIZIONI: 26 ottobre 2021
PERIODO LEZIONI:11 novembre al 3 dicembre 2021
CONTATTI TUTOR:
rossana.saracino@unifi.it 
andrea.signorile@unifi.it
INFO ISCRIZIONI:
perfezionamenti@adm.unifi.it

Download:

Urban Nature 10 ottobre 2021 – AIPIN al Parco della Salute di Palermo

Urban Nature 2021

Nella giornata di domenica 10 ottobre in tutta Italia numerosissimi gli eventi e le iniziative per celebrare la Festa della Natura in città e scoprire la biodiversità custodita nelle aree urbane. Spettacoli artistici, visite guidate, eventi sportivi, giochi e laboratori dedicati a famiglie e ragazzi. Quest’anno l’evento centrale della Festa della Natura in città si terrà presso l’Orto Botanico di Roma. Per tutta la giornata si susseguiranno visite guidate, workshop e laboratori per scoprire la biodiversità urbana e come imparare a prendercene cura. La festa della Natura in città è nata per stimolare a una nuova visione degli spazi urbani e dare valore alla natura

L’AIPIN è tra gli Amici di Urban Nature (soci e partner dell’iniziativa) e sarà presente al Parco della Salute di Palermo per una visita tecnica divulgativa della Flora Costiera e di monitoraggio dei lavori di riqualificazione della scogliera con tecniche di ingegneria naturalistica eseguiti nel 2019. 

L’evento sarà occasione per presentare proposte di gestione del deflusso urbano a cura dell’Arch. Roberta Carrara, Arch. Guglielmo Di Chiara, Ing. Gianluigi Pirrera, Prof. Ferdinando Trapani e Dr.ssa Biol. Lorena Ferrara.

 

Premio Internazionale di Ingegneria Naturalistica “Giuliano Sauli” Edizione 2021 – Conferenza stampa 06 settembre ore 18:00 Orto Botanico di Palermo

Rassegna stampa:

 

SEREInternational CONFERENCE 7-10 Settembre 2021 e Corso “Introduction to Soil and Water Bioengineering for ecological restoration” 3 settembre 2021

Corso 3 settembre 2021 Introduction to Soil and Water Bioengineering for ecological restoration

Coordinatori: Sangalli P. (EFIB); Arizpe D. (CIEF/Vaersa), Cornelini P. (AIPIN) 

Programma del corso: course_2021 SWBioengineering

Iscrizioni:
https://www.sere2021.org/index.php/programme-speakers/pre-conference-courses

 

SER CONFERENCE -september-10-room

Information and additional details are available on the www.sere2021.org 

“Gestione, ripristino e conservazione delle aree umide quale chiave di lotta alla desertificazione”- Cagliari 11 e 12 settembre 2021

Alla luce del meeting avvenuto il 24 giugno scorso, tra una delegazione FAO e una delegazione del Coordinamento Nazionale Biologi Ambientali (CNBA) e il Presidente dell’Onb Vincenzo D’Anna, da cui è nata una prima intesa di voler costituire una partnership tra i due enti, rivolta alla creazione di progetti ambientali, tra cui la “lotta alla desertificazione”, “la salvaguardia e il recupero degli ecosistemi del Pianeta”, si vuole celebrare in occasione della inaugurazione di quella che sarà la futura sede dell’ordine regionale della Sardegna, un convegno che si terrà a Cagliari l’11 e il 12 settembre 2021, presso l’ex salina del Parco Molentargius, sul ruolo delle aree umide come chiave di lotta alla desertificazione, ove tra i vari e prestigiosi relatori, presenzieranno anche biologi, tecnici e scienziati della FAO. L’argomento principe è il ruolo delle aree umide come chiave di lotta alla desertificazione e alla modificazione geografica e geomorfologica di aree precedentemente fertili. Le aree umide sono centri di alta differenziazione faunistica e vegetazionale, ecosistemi nei quali la coordinazione mutualistica tra vegetazione ripuale, flussi e volumi idrici, determinano le condizioni di alti tassi di diversità biologica vegetale e animale, con presenza anche di caratteristiche climaciche di alta umidità in contrasto prioritario ai fenomeni di aridità indotta dai cambiamenti climatici e dalla riduzione di precipitazioni atmosferiche. La Convenzione di Ramsar del 1971 ne identifica un ruolo prioritario nella lotta alla desertificazione.

Il Convegno è patrocinato dall’AIPIN ed interverranno Gianluigi Pirrera, Giuseppe Doronzo e Riccardo Santolini.

Numero di partecipanti: 90

Evento in attesa di accreditamento per i crediti ECM in autoformazione

PER ISCRIVERTI: CLICCA QUI

Scarica il programma

1st International Joint Congress on “Sustainable Management of Cultural Landscapes in the contest of the European Green Deal” – Santo Stefano di Camastra (Italy) 10 – 14 November 2021

Nei giorni compresi fra il 10 e il 14 novembre del 2021, si svolgerà a Santo Stefano di Camastra il 1° Congresso Internazionale Congiunto della EUROPEAN SOCIETY FOR SOIL CONSERVATION (ESSC) e della EUROPEAN ECOCYCLES SOCIETY (EURECYS).

Il tema generale del convegno (visionabile sul sito www.ecocycles.net/ESSC-EURECYS-
Congress/
) sarà: “Sustainable Management of Cultural Landscapes in the contest of the European Green Deal“. L’obbiettivo è quello di accendere i riflettori su problematiche che riguardano lo sfruttamento dei servizi ecosistemici, la conservazione del patrimonio culturale, nonché definire nuove prospettive per lo sviluppo futuro dei paesaggi culturali nel contesto del Green Deal recentemente avviato dalla Commissione Europea.
Il Congresso è aperto a scienziati, studenti, educatori, manager, politici ed amministratori. I lavori saranno organizzati in relazioni ad invito, sessioni scientifiche con presentazioni orali e poster, ed una escursione scientifica e culturale curata dall’Ente Parco dei Nebrodi.

INFO: http://www.ecocycles.net/ESSC-EURECYS-Congress/